Ecco Mercurio – il pianeta degli estremi

Mercurio è il pianeta più vicino al Sole e il più piccolo del nostro sistema solare. Con un diametro di circa 3.032 miglia (4.880 chilometri), Mercurio è meno della metà della Terra, che ha un diametro di circa 7.926 miglia (12.756 km). Ma ciò che manca a Mercurio in termini di dimensioni, lo compensa in termini di velocità: orbita intorno al Sole più velocemente di qualsiasi altro pianeta del sistema solare.

Come nasce il nome di Mercurio?

Il pianeta prende il nome dalla divinità romana Mercurio, patrono dei mercanti e dei lavoratori delle banche, il veloce messaggero degli dei, che era l’equivalente romano del dio greco Hermes. Mercurio orbita intorno al nostro sole ogni 88 giorni – più velocemente di qualsiasi altro pianeta del sistema solare – e un anno su Mercurio è meno di tre mesi terrestri. Questa orbita veloce ha ispirato gli antichi romani ad associare il piccolo pianeta a Mercurio, secondo Cool Cosmos, un sito web gestito dall’Infrared Processing and Analysis Center del California Institute of Technology, mentre gli antichi greci associavano il pianeta a Ermes, secondo l’European Southern Observatory.

Mercurio è visibile nel cielo notturno senza telescopio ed è noto agli esseri umani di tutto il mondo da migliaia di anni. Secondo Cool Cosmos, i Sumeri hanno fatto una delle prime registrazioni del pianeta nel 3.000 a.C. circa.

Mercurio è il pianeta più caldo?

Essendo Mercurio il pianeta più vicino al Sole, si potrebbe pensare che sia il più caldo. Tuttavia, Mercurio non ha un’atmosfera come quella terrestre in grado di intrappolare e trattenere il calore, quindi il lato rivolto verso il sole è sempre molto freddo, soprattutto perché Mercurio impiega circa 59 giorni terrestri per completare una rotazione. Secondo la NASA, le temperature sulla superficie di Mercurio possono raggiungere gli 800 gradi Fahrenheit (427 gradi Celsius) durante il giorno, ma possono scendere fino a meno 290 F (meno 179 C) durante la notte.

Venere, il secondo pianeta dal Sole, è il pianeta più caldo perché ha un’atmosfera densa che trattiene il calore dei raggi solari. Venere ha una temperatura superficiale di circa 860 gradi Fahrenheit (462 gradi Celsius) e rimane così caldo sia di giorno che di notte, ha riferito in precedenza Live Science.

Di cosa è fatto Mercurio?

Secondo il Natural History Museum di Londra, nel Regno Unito, Mercurio è composto in gran parte da ferro. Ha un nucleo interno con un nucleo esterno di metallo liquido ed è circondato da un mantello e da una crosta, proprio come la Terra. Il nucleo interno di Mercurio è solido e di dimensioni simili a quelle della Terra, nonostante Mercurio sia un pianeta complessivamente molto più piccolo, secondo uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters.

Invece di un’atmosfera completa, Mercurio ha un’esosfera, il nome dato solo al sottile strato esterno dell’atmosfera terrestre. Secondo la NASA, l’esosfera di Mercurio si forma a causa del vento solare e dei colpi di meteoriti che fanno esplodere gli atomi dalla sua superficie. L’esosfera protegge poco Mercurio da oggetti come gli asteroidi e il pianeta è pieno di crateri, tanto che Mercurio assomiglia alla luna della Terra. Secondo il Museo di Storia Naturale di Londra, non ci sono lune in orbita attorno a Mercurio perché è così vicino al Sole che la sua gravità probabilmente le allontana.

Che cos’è Mercurio retrogrado?

Mercurio retrogrado è quando il pianeta sembra, ma in realtà non lo è, muoversi all’indietro nel cielo. Si tratta di un’illusione ottica causata dalla prospettiva degli esseri umani che vedono il pianeta più piccolo raggiungere e superare la Terra durante la sua curva intorno al Sole, come ha riferito in precedenza Live Science. Alcuni astrologi associano Mercurio retrogrado a perturbazioni della vita quotidiana sulla Terra, ma non ci sono prove scientifiche a riguardo.

“L’idea che la gravità di questi corpi molto distanti influisca in qualche modo sulle nostre vite non funziona nel quadro della fisica”, ha dichiarato a Live Science Jean-Luc Margot, professore di astronomia e scienze planetarie presso l’Università della California, Los Angeles.

L’illusione retrograda si verifica con altri pianeti che la Terra incrocia, e non è così rara. I periodi retrogradi di Mercurio nel 2022 vanno dal 13 gennaio al 3 febbraio, dal 10 maggio al 2 giugno, dal 9 settembre al 1° ottobre e dal 28 dicembre al 18 gennaio (2023), secondo l’Old Farmer’s Almanac.

C’è vita su Mercurio?

Gli scienziati hanno ancora molto da imparare su Mercurio, ma non hanno motivo di pensare che ospiti la vita. Secondo la NASA, le temperature roventi e gelide di Mercurio e l’abbondanza di radiazioni solari sono probabilmente troppo estreme per qualsiasi organismo vivente. Inoltre, grazie a sonde come la sonda MESSENGER (Mercury Surface, Space Environment, Geochemistry, and Ranging), circa il 98% della superficie di Mercurio è stato fotografato in dettaglio, secondo il sito web di MESSENGER.

MESSENGER ha confermato la presenza di acqua ghiacciata su Mercurio nel 2011. Il ghiaccio è riunito ai poli in crateri che lo proteggono dai raggi solari. Gran parte di questo ghiaccio potrebbe essere stato trasportato su Mercurio da asteroidi. Tuttavia, uno studio del 2020 pubblicato sull’Astrophysical Journal Letters ha scoperto che Mercurio potrebbe creare fino al 10% del proprio ghiaccio.

Ecco come: Sulla superficie di Mercurio sono presenti minerali con gruppi di atomi di ossigeno (O) e idrogeno (H) legati tra loro, chiamati idrossili, che possono essere energizzati dal calore estremo del Sole e scontrarsi per creare molecole di acqua (H2O). Mentre il sole scompone anche queste molecole, alcune vanno alla deriva intorno al pianeta e finiscono nei crateri gelidi ai poli per formare ghiaccio, come ha riferito in precedenza il sito gemello Space.com di Live Science.

“È un po’ come la canzone ‘Hotel California’. Le molecole d’acqua possono entrare nell’ombra, ma non possono mai uscirne”, ha dichiarato in un comunicato il ricercatore principale dello studio Thomas Orlando, professore presso la Scuola di Chimica e Biochimica del Georgia Institute of Technology.