Il tempo esiste davvero?

Finora nessuno è stato in grado di rispondere alla domanda: che cos’è esattamente il tempo? Cosa rispondereste se vi chiedessero di spiegare la vostra idea di tempo? Non è così facile. I dizionari descrivono il tempo come una forma di durata dell’esistenza di vari oggetti o di durata di attività ed eventi. Il tempo ci circonda costantemente, ne percepiamo il corso psicologicamente, soprattutto quando aspettiamo o siamo in ritardo per qualcosa, e a volte siamo avvolti da un’armonia tale che non ce ne accorgiamo affatto. Da secoli filosofi e fisici cercano di descrivere il fenomeno del tempo, ma… esiste?

Non solo non possiamo dare una descrizione sicura del tempo. Non riusciamo nemmeno a rispondere alla domanda apparentemente perfettamente semplice: “Che ore sono?”. Supponiamo che mi trovi a Mosca e che, secondo il mio orologio, siano esattamente le 9 del mattino; mi sto preparando la colazione. A Vladivostok la maggior parte delle persone ha già pranzato: saranno le due del pomeriggio. Quindi il tempo è diverso per tutti coloro che vivono in qualsiasi parte del mondo. La domanda sorge spontanea: con cosa lo misuriamo? E se andassimo su un altro pianeta o satellite, per esempio sulla luna di Saturno, Titano, come potremmo misurare il tempo lì? Molto probabilmente, i coloni dovranno pensare a creare una nuova linea temporale, adattandosi a condizioni diverse. Le stagioni lì sarebbero già completamente diverse. Si scopre che il tempo è un insieme di numeri che stabiliscono l’ordine delle nostre vite. A volte, però, questo non funziona sempre.

Avete mai notato, ad esempio, che il tempo passa molto più lentamente con i bambini che con gli adulti, soprattutto durante le vacanze? Durante le vacanze estive gli orari dei bambini si basano sulla posizione del sole nel cielo. Con gli adulti il tempo scorre molto più velocemente, e a volte anche in età adulta rimaniamo bloccati in una corsa infinita contro il tempo. Gli stessi 20 minuti trascorsi, ad esempio, in autobus o giocando alle slot machine gratuite, saranno percepiti in modo diverso anche dalle persone sedute accanto. Se una persona è in ritardo, quei 20 minuti gli sembreranno infiniti. Il suo vicino, che è seduto accanto a lui e sta ascoltando la sua musica preferita, non si accorgerà nemmeno del suo passaggio! Quindi il tempo non può essere assoluto e uguale per tutti. Sarà diverso in diversi punti dello spazio e nel nostro mondo così come lo immaginiamo.

Quindi, il tempo è un concetto astratto inventato dalle persone per comodità, oppure fa parte dell’universo ed è un elemento specifico dell’universo?

Il tempo è una forza che impedisce alle cose di accadere tutte insieme. Gli eventi devono accadere uno dopo l’altro perché la legge di causa ed effetto sia rispettata nell’universo. Il tempo è la relazione tra gli eventi e i cambiamenti che avvengono nell’universo. Se fossimo fisicamente separati dal tempo, le nostre azioni e tutto ciò che accade intorno a noi non avrebbero alcuna catena logica e la vita sarebbe piena di assurdità a causa della violazione della causalità. Viviamo in quattro dimensioni: tre spaziali e una temporale.

Poiché viviamo in un mondo spazio-temporale a quattro dimensioni, il tempo è già evidente quando si parla di gravità. Il tempo rallenta in prossimità di corpi massicci, e questo è un fatto dimostrato da tempo. I satelliti GPS che tracciano la vostra posizione calcolano le vostre coordinate con questa differenza: il tempo scorre più lentamente sulla Terra che in orbita, quindi se non si tenesse conto della differenza di tempo, l’errore sarebbe di oltre 10 km! Sicuramente non sareste in grado di trovare la strada per il negozio più vicino in una città sconosciuta con il vostro dispositivo di navigazione, e dovreste chiedere ai passanti.

Qualsiasi oggetto massiccio, sia esso un pianeta, una stella, un buco nero o persino una galassia, attorciglia lo spazio-tempo attorno a sé e più è grande l’oggetto, più sarà distorto: è come se un bambino e poi un adulto stessero sullo stesso trampolino. Per le persone nello spazio, il tempo passa più velocemente che sulla Terra.  Si scopre che il tempo esiste, e non solo esiste, ma è intessuto nell’intero tessuto dell’universo, e qualunque cosa sia, è intessuto in noi, quindi lo sentiamo, e ognuno di noi ha un orologio con un proprio funzionamento individuale.

Da qui un’altra domanda interessante: lo spazio nella sua interezza esiste intorno a noi qui e ora. Il passato, il presente e il futuro potrebbero quindi esistere contemporaneamente? Sembra incredibilmente intrigante, ma no. Ipoteticamente il passato, il presente e il futuro sono un tutt’uno, ma come nello spazio ci sono diversi punti di localizzazione, così nel tempo ci saranno momenti specifici sia del passato che del futuro. La differenza tra spazio e tempo è che il tempo è una sequenza di momenti successivi, quindi mentre nello spazio possiamo facilmente spostarci, ad esempio, da un continente all’altro, questo trucco non funziona con il tempo. Non possiamo tornare indietro nel passato o saltare nel futuro, perché il rapporto di causa ed effetto verrebbe interrotto e l’Universo ama molto questi paradossi. Quindi, il tempo è materiale, c’è, e non si va da nessuna parte.

Lo spazio intorno a noi è nato con il Big Bang, ma il tempo… Sembra che ci sia stato prima del Big Bang e che ci sarà anche dopo la morte del nostro Universo (se ciò è possibile). Ma chi l’ha creata? E perché?