Potresti diventare un astronauta?

Diventare astronauta non avviene da un giorno all’altro. Sono necessari molti anni di istruzione ed esperienza per soddisfare le qualifiche di base. Molte persone non vengono accettate nemmeno al primo tentativo, il che richiede che imparino di più per essere meglio preparati per il tentativo successivo. Anche in questo caso, solo una piccola percentuale di candidati diventa astronauta, il che rende il lavoro difficile da ottenere.

“Il fatto che abbia fatto domanda per diventare astronauta 15 volte non è sfuggito ai miei amici, seguaci o fan”, ha scritto l’astronauta in pensione Clay Anderson nella sua biografia, “The Ordinary Spaceman”, citata da Popular Mechanics.

“Battute e commenti sprezzanti si sono basati sulla brutta verità che in 14 di quei 15 tentativi sono stato un completo e abissale fallimento. In effetti, c’è un annuncio di servizio pubblico della NASA che sottolinea come mi ci siano voluti 15 tentativi. Mi piace aggrapparmi alla realtà che posso sempre dire ‘meglio tardi che mai’, ma a questo punto è tutto accademico”.

Questo articolo si concentra sul processo di selezione della NASA, che si applica ai cittadini americani. Anche se molte delle qualifiche possono essere generalizzate ai programmi per astronauti di altri Paesi, è importante notare che ogni agenzia spaziale ha un proprio processo di selezione. I cittadini non statunitensi delle seguenti aree geografiche dovrebbero consultare una delle agenzie locali per maggiori informazioni:

  • Agenzia Spaziale Europea
  • Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale
  • Agenzia spaziale canadese
  • Agenzia spaziale federale russa
  • Amministrazione spaziale nazionale cinese

Le cose giuste

Il primo passo per diventare astronauta è quello di fare esperienza a scuola. Esistono due classi principali di candidati astronauti: i candidati militari e i candidati civili. Le procedure di candidatura dei militari variano a seconda del ramo delle forze armate statunitensi per cui si lavora, in quanto la candidatura avviene tramite il rispettivo ramo. I civili si rivolgono direttamente alla NASA.

Indipendentemente dal background, la NASA vuole che i suoi astronauti abbiano almeno una laurea in ingegneria, scienze biologiche, scienze fisiche o matematica. (L’agenzia mantiene un elenco di eccezioni a queste lauree, come la geografia o la gestione dell’aviazione). Molti astronauti hanno conseguito un master o addirittura un dottorato di ricerca nel loro campo. Alcuni astronauti, come Story Musgrave (ora in pensione), hanno titoli di studio addirittura superiori.

Sebbene l’istruzione implichi la necessità di un po’ di denaro per poter essere selezionati come astronauti, un articolo di Forbes sottolinea che molti astronauti hanno ricevuto assistenza dall’esercito o da programmi governativi per ottenere le qualifiche.

“Ragazzi che non avrebbero mai potuto permettersi l’istruzione necessaria sono stati aiutati da programmi governativi, siano essi militari, federali o statali”, ha detto il dipendente della NASA Robert Frost, rispondendo a una domanda su Quora. “Con quell’aiuto e lavorando molto, molto duramente, sono stati istruiti e hanno ottenuto buoni lavori in cui sono stati in grado di mostrare le loro capacità in modo da impressionare il comitato di selezione degli astronauti. A volte la determinazione ha bisogno di una mano”.

Tuttavia, non basta la scuola per diventare un candidato alla selezione per astronauti. La NASA vuole almeno tre anni di “esperienza professionale correlata e progressivamente responsabile” o (in un cenno ai candidati militari) almeno 1.000 ore di “tempo di pilotaggio in un aereo a reazione”. I titoli di studio avanzati sono comunque considerati equivalenti a questa esperienza: un master equivale a un anno di esperienza e un dottorato a tre anni di esperienza.

Un’eccezione notevole a questi requisiti è rappresentata dagli insegnanti, che devono comunque possedere una laurea tecnica, ma possono qualificarsi attraverso l’atto dell’insegnamento, anche per i bambini della scuola elementare.

I candidati astronauti della NASA devono anche superare un impegnativo esame fisico. Tra i requisiti:

  • Visione 20/20 (naturalmente o con lenti correttive)
  • pressione arteriosa non superiore a 140/90 in posizione seduta
  • un’altezza compresa tra 62 e 75 pollici

In generale, per fare l’astronauta bisogna essere in ottima forma, perché è costoso fare un rientro d’emergenza sulla Terra in caso di emergenza medica in orbita. Non ci sono ancora strutture mediche professionali completamente attrezzate lassù, non dimenticatelo.

Durante il processo di selezione sono previsti anche colloqui per capire se un candidato è fisicamente e psicologicamente in grado di lavorare come astronauta. Flessibilità, capacità di lavorare in gruppo e amore per l’apprendimento sono alcuni dei tratti della personalità che la NASA cerca.

Candidatura come astronauta e percorso verso il volo

Una volta selezionati, la NASA non vi considera ancora astronauti a tutti gli effetti. Ci sono due anni di addestramento di base in cui si è considerati “candidati astronauti”. I candidati ricevono una formazione di base in classe sulla Stazione Spaziale Internazionale e sul volo spaziale in generale. Diventano inoltre subacquei qualificati, seguono un addestramento militare di sopravvivenza in acqua, si sottopongono a test di nuoto, sono esposti ad alte e basse pressioni atmosferiche, effettuano voli nella “cometa del vomito” e ricevono, tra le altre cose, una formazione sui media e sulla lingua russa. [6 cose quotidiane che diventano strane in assenza di peso].

Dopo il diploma, molti astronauti non vengono assegnati a un volo per anni. Essi saranno di supporto agli altri astronauti in orbita, prestando servizio come “CapCom” nel Controllo Missione, effettuando passeggiate spaziali simulate nel Neutral Buoyancy Laboratory della NASA e acquisendo altre competenze di cui avranno bisogno per il loro tempo in orbita. Trascorrono del tempo non solo presso la NASA, ma anche presso partner internazionali con strutture di addestramento (come il Canada, per imparare a far funzionare il braccio robotico della stazione). Tutti gli astronauti devono inoltre mantenere la competenza di volo sugli aerei T-38, volando per un certo numero di ore al mese.

Una volta che un astronauta viene selezionato per un volo, l’addestramento alla missione richiede un altro paio di anni. Si inizia leggendo libri di testo e ricevendo una formazione in classe, poi si fanno simulazioni su simulazioni per imparare davvero. L’addestramento si svolge in tutto il mondo, sia individualmente che con i compagni di equipaggio.

“Diversi mockup e trainer in scala reale sono utilizzati anche per addestrare gli astronauti. Questi mockup e trainer sono utilizzati per l’orientamento dei sistemi di bordo e per l’addestramento all’abitabilità. Gli astronauti si esercitano nella preparazione dei pasti, nello stivaggio delle attrezzature, nella gestione dei rifiuti, nell’uso delle telecamere e nelle operazioni degli esperimenti”, ha dichiarato la NASA.

Oggi un tipico volo spaziale di un astronauta della NASA dura sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, ma alcuni astronauti vengono ora assegnati a voli di un anno per imparare di più sul corpo umano. La scienza occupa la maggior parte del tempo che un astronauta trascorre in orbita.