Un giocatore NBA che ama le stelle

Sapevate che l’attaccante dei Boston Celtics della National Basketball Association – Grant Williams – ha un profondo amore per lo spazio grazie a sua madre.

Tra la nutrita collezione di trofei atletici e premi accademici di Grant Williams c’era anche una manciata di navette spaziali giocattolo. Una volta ha persino partecipato a una simulazione al Johnson Space Center della NASA in cui ha guidato proprio uno shuttle. “Non era per i turisti”, aggiunge. “Era solo per le persone che lavoravano lì”.

Williams non ha mai lavorato alla NASA e non ha mai voluto diventare un astronauta. Ma il tema dell’esplorazione spaziale ha sempre fatto parte della vita dell’attaccante dei Celtics. Sua madre, Teresa Johnson, è un ingegnere che ha lavorato alla NASA per più di tre decenni. Tra i vari ruoli, è stata ingegnere elettrico e ha contribuito alla costruzione della Stazione Spaziale Internazionale. Nel 1995 è diventata la prima donna afro-americana a ricoprire il grado GS-15 nel settore tecnico del JSC. Quando a Williams viene chiesto del suo ruolo attuale, si assicura di leggere un testo che lei gli ha inviato e che illustra in modo esauriente le sue attuali credenziali. (In parole povere, ricopre una posizione più manageriale nell’ambito della sicurezza e dell’assicurazione della missione).

“Mia madre ha fatto delle cose davvero eccezionali”, dice, riassumendo il suo curriculum. “Ha fatto cose straordinarie”.

Williams si è sintonizzato dalla casa di Charlotte del suo compagno di squadra Kemba Walker, dove il 21enne rookie ha alloggiato durante la pausa del campionato. Alle 15.22 ET, Williams, come milioni di altre persone, ha assistito al decollo di due astronauti dalla stessa rampa di lancio in Florida che un tempo serviva per le missioni Apollo. L’occasione ha segnato la prima volta nella storia che una società privata ha lanciato astronauti in orbita.

“Ciò che mi entusiasma davvero è il modo in cui siamo progrediti”, afferma. “Guardate le diverse varianti di navette, le diverse varianti di lanci… Questa è un’azienda privata e riuscire ad avere il successo che hanno avuto è incredibile da vedere e da seguire”.

Williams è nato a Houston e vi ha vissuto fino all’età di quattro anni, quando i suoi genitori si sono separati e lui si è trasferito in North Carolina. Ha quattro fratelli, tra cui due fratellastri. Suo padre, Gilbert, ha giocato a basket a livello professionale e ha poi svolto diversi lavori, tra cui quello di insegnante e di direttore di scena. “È l’uomo con più conoscenze al mondo”, dice Grant di suo padre.

Ma è stato anche grazie al lavoro di sua madre che Williams dice di aver conosciuto alcune delle persone più intelligenti che abbia mai incontrato. Ha visitato il Johnson Space Center di Houston decine di volte, tanto che sua madre teneva il suo badge da ospite nella sua auto. E ha ricordi d’infanzia in cui leggeva i suoi casi e cercava di offrire suggerimenti, come se stesse svolgendo il suo lavoro in prima persona. “Non so se lei abbia mai preso in considerazione queste cose”, commenta.

Grazie al lavoro di sua madre, ha viaggiato in gran parte del mondo, avventurandosi in Italia, Germania e Russia. A sua volta, ha frequentato diversi centri spaziali internazionali. Ascoltando Williams parlare dei suoi viaggi nello spazio, la sua natura mondana e curiosa è evidente.

“Sono sempre stato interessato all’esplorazione e a vedere cosa c’è nella vita in questo momento”, dice.

Ma lo spazio non è l’unico intrigo di Williams fuori dal campo. Nonostante abbia rifiutato le scuole della Ivy League a favore del Tennessee, ha costruito un curriculum da Ivy Leaguer. Durante la sua giovinezza ha imparato almeno una mezza dozzina di strumenti, tra cui il pianoforte, il violino e il clarinetto; è diventato un giocatore di scacchi di livello nazionale e una volta ha sconfitto il campione di scacchi numero 1 della nazione; si è esibito nei musical del suo liceo.

“È un uomo rinascimentale”, ha detto sua madre.

“È nato con determinate abilità che la maggior parte di noi non ha”, aggiunge l’assistente allenatore di Tennessee Desmond Oliver, che ha osservato Williams per la prima volta quando l’attaccante era al nono anno di liceo.

Williams si è iscritto alla UT con l’intenzione di specializzarsi in ingegneria meccanica, ma alla fine ha deciso di specializzarsi in gestione della catena di approvvigionamento – “pensate ad Amazon e a ciò che fanno con la loro cultura”, dice – in modo da potersi laureare in soli tre anni. “Credo che sia Grant che sua madre abbiano la capacità di essere super intellettuali e allo stesso tempo di integrarsi”, dice Oliver. L’attaccante di un metro e settanta si è fatto notare anche sul campo da basket, dove, come junior nella scorsa stagione, è stato selezionato all’unanimità come All-American.

Quest’anno Williams ha partecipato a 62 partite con i Celtics, con una media di quasi 16 minuti a gara. Mentre si teneva pronto fisicamente durante la sospensione della lega, ha anche iniziato a fare da mentore a sei ragazzi afro-americani e ispanici della zona di Boston. “Ha sempre avuto una maturità che la maggior parte dei giovani non ha”, spiega Oliver.

Il tema dello spazio non è ancora stato sollevato, ma uno degli studenti ha espresso un interesse dimostrato per la tecnologia. L’attaccante dei Celtics spera di mettere in contatto il ragazzo con suo fratello Gabon, che lavora nel campo della sicurezza informatica.

“Significa molto per me”, dice Williams a proposito del suo coinvolgimento nel programma, “perché posso influenzare le giovani menti e spero di ispirarle a essere migliori di come sono stato io da piccolo”.

Ha trasmesso ai suoi allievi un altro messaggio tramandato da sua madre: “Puoi imparare fuori dal campo e puoi imparare dentro”, sottolineando l’importanza di rimanere equilibrati e curiosi.

Le grandi scoperte non sono legate al cosmo. “Ma”, dice Williams, “sono sempre stato una persona incuriosita dall’idea illimitata dello spazio”.