Un insolito sistema stellare triplo potrebbe aver inghiottito una quarta stella

Gli astronomi hanno scoperto un sistema stellare triplo che non ha nulla a che vedere con i sistemi di questo tipo osservati finora. L’insolito trio di stelle è molto più massiccio e compatto del tipico sistema di stelle triplette, il che potrebbe essere il risultato dell’assorbimento di un’altra quarta stella.

Questo sistema stellare triplo è noto come TIC 470710327 ed è stato scoperto dai ricercatori analizzando i dati raccolti dal Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA. Il trio ha una struttura gerarchica, con due stelle binarie che orbitano l’una attorno all’altra al centro del sistema, mentre una terza stella orbita attorno a questa coppia centrale in un’orbita più ampia.

I sistemi stellari tripli sono piuttosto comuni nell’Universo – infatti, fino al 10% di tutti i sistemi stellari dell’Universo potrebbero essere tripli.

Tuttavia, TIC 470710327 si distingue dagli altri sistemi di stelle triplette noti alla scienza per le sue dimensioni e la sua forma. Le sue stelle sono molto più massicce delle tipiche stelle che compongono i sistemi di triplette, il che significa che il trio è più compatto a causa della maggiore interazione gravitazionale.

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo sistema di questo tipo”, ha dichiarato l’autore principale Alejandro Vigna-Gomez, astrofisico dell’Università di Copenhagen, in Danimarca.

Il sistema di stelle doppie al centro di TIC 470710327 ha una massa totale di circa 12 masse solari e le due stelle orbitano l’una intorno all’altra per circa un giorno. La stella più grande, quella più esterna, ha una massa ancora maggiore, pari a circa 16 masse della nostra luminaria, e orbita intorno al sistema duale con un periodo di 52 giorni, che è “piuttosto veloce se si considerano le dimensioni di queste stelle”, ha detto Vigna-Gomez.

Secondo il gruppo di Vigna-Gomez, la spiegazione più probabile per l’origine del sistema TIC 470710327 è che il sistema fosse prima un sistema quadruplo e consistesse in due sistemi binari spazialmente separati. La coppia esterna del sistema stellare si è poi fusa per formare un’altra stella massiccia.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.